La verità sul metabolismo che ti hanno nascosto

Il metabolismo e le verità che ci vengono nascoste

Ciao caro lettore, in questo nuovo articolo (primo di tre) ho deciso di darti delle informazioni su un argomento che è conosciuto da tutti ma che nessuno tratta come si deve! Sto parlando del metabolismo. Esistono diversi luoghi comuni su questo argomento, fra questi l’esistenza di un metabolismo lento e di un metabolismo veloce.

Iniziamo dando una definizione di metabolismo, sarà un po’ didattica ma è fondamentale.

Il metabolismo basale indica il quantitativo di energia necessario per far funzionare il vostro corpo un giorno in condizioni di assoluto riposo. Questo ha dei valori che possono variare notevolmente a seconda dell’età, sesso, grado di attività fisica ma di solito nella popolazione questi valori tendono ad essere simili.

Un luogo comune molto diffuso riguardo al metabolismo è l’esistenza di un metabolismo lento e di un metabolismo veloce. Infatti molte persone pensano che sono affette da una strana malattia che rende il loro metabolismo lento e che le fa “ingrassare con l’aria”.

Un errore che viene fatto spesso invece, soprattutto dalle donne che seguono diete prive di fondamento come quelle che si trovano nelle riviste è quello di abbassare il proprio metabolismo. Questo errore viene fatto anche da alcuni atleti quando abbassano le calorie ed i carboidrati troppo drasticamente nel periodo di definizione.

Il nostro corpo infatti ha un meccanismo di protezione che ha ereditato dalla preistoria per poter sopravvivere alle carestie. Questo meccanismo consente in caso di diminuito apporto calorico di abbassare drasticamente il consumo calorico per far sopravvivere il corpo.

Ciò ha permesso all’uomo di salvarsi dalle numerose carestie che caratterizzavano la preistoria. Il problema ora con l’avvento dei frigoriferi e del cibo ad alta densità calorica non si pone, ed è proprio per questo motivo che si tende ad ingrassare o ad abbassare il metabolismo.

Ci son molti modi per deprimere il metabolismo, alcuni di questi modi son fisiologici, cioè normali ed altri invece son iatrogeni  cioè causati dall’uomo stesso coi suoi comportamenti errati. Fra questi possiamo ricordare:

1. Abbassamento per lunghi periodi della quota di carboidrati assunta: ciò causa una diminuzione nella produzione di alcuni ormoni della tiroide come il T3 ed il T4, ricordo che la tiroide è deputata all’aumento del metabolismo e che gli individui ipertiroidei hanno un metabolismo che può arrivare a raddoppiare rispetto ad una persona che ha la tiroide normale.

2. Fare digiuni prolungati e diete drastiche: questo comportamento causa una reazione di difesa nel nostro organismo che abbassa il suo consumo calorico (ricordi il discorso sulla preistoria?). Secondo gli studi è necessario digiunare per più di 72 ore consecutive, mentre un digiuno più breve di circa 16 ore può addirittura favorire un aumento del  metabolismo, come postulato dal digiuno intermittente Leangains di Martin Berkhan.

3. Esagerare con l’aerobica: si abbassa ugualmente il metabolismo perché si riduce la massa magra. Inoltre inserire l’aerobica come meccanismo per compensare una alimentazione troppo ricca di calorie non solo è più faticoso, ma non appena si sospende la corsa se si mantiene lo stile di vita precedente si recuperano facilmente i chili persi. Un esempio classico sono i calciatori e più in generale gli sportivi che ingrassano dopo che finiscono la carriera. Vuoi correre per tutta la vita?

Fra i meccanismi fisiologici per cui si abbassa il metabolismo ricordiamo la scarsa attività fisica e l’età. Infatti è vero che dopo i 40 anni tende a scendere di circa il 10% ogni dieci anni.

Questi due aspetti coprono il 95% dei casi di abbassamento del metabolismo, mentre nel restante 5% son inclusi quei casi di abbassamento del metabolismo patologico. Ricordiamo alcune malattie come l’ipotiroidismo (che a sua volta può avere decine di cause) o alterazioni qualitative del metabolismo come il morbo di Cushing (alterazione delle ghiandole surrenali nella produzione di cortisolo) che cambiano il modo con cui si accumula il grasso ed il metabolismo lipidico. Infine ci son anche i farmaci come i corticosteroidi (il comune cortisone) che se utilizzati a lungo causano alterazioni nel metabolismo più una serie di effetti collaterali quali osteoporosi. Prima di procedere con un programma dimagrante in caso di sospetto di queste patologie bisognerebbe valutare tramite una figura medica professionista l’eventuale presenza di esse.

In assenza di sospetti, prima di fare gli esami medici per giustificare il fatto che sei grasso o grassa sarebbe più opportuno valutare se hai alcuni dei comportamenti sbagliati precedentemente citati. Se, una volta eliminati questi comportamenti, non riesci a dimagrire è molto importante richiedere un consulto medico.

Come vedi non ho parlato di genetica. Infatti nella maggior parte dei casi il tuo metabolismo “che ti fa assimilare tutto” è dovuto solo al regime alimentare sbagliato, a diete pregresse o stile di vita sedentario. Spesso è probabile che per aumentare il metabolismo e dimagrire devi anzi mangiare di più.

Ti assicuro che se sei grasso non è colpa del tuo metabolismo; diversi studi dicono che in realtà è molto simile fra diverse persone. Quindi quello che fai è semplicemente dare la colpa al tuo metabolismo, dire che sei sfortunato etc. Io penso che un atteggiamento del genere sia di incapacità di assumere le proprie responsabilità.

Spesso le persone che affermano frasi del genere non hanno una buona coscienza alimentare, non tengono conto minimamente dei quantitativi calorici che introducono, non sanno come distribuire i macronutrienti e quali cibi è meglio evitare. Spesso queste persone saltano numerosi pasti e non mangiano carboidrati e al primo sgarro riprendono tutto il peso.

Ancora chi da la colpa al metabolismo spesso ha uno stile di vita sedentario e omette il calcolo delle calorie di alcuni alimenti come l’olio, il vino, l’alcool e il pane. Chi da la colpa al suo metabolismo lento pensa di poter dimagrire bevendo qualche caffè in più, o assumendo un termogenico, o col thè verde, o pensa che le creme bruciagrassi funzionino.

Ti do alcune cattive notizie, stai sereno poi ci saranno le buone.

Le cattive notizie sono che il metabolismo dopo i 40 anni scenderà del 10% ogni decennio, e se mangi lo stesso introito calorico di quando eri giovane difficilmente dimagrirai, quindi dovrai riadattarti. Un’altra cosa da considerare è che puoi riattivare il metabolismo, ma aumentandolo solo del 5%. Quindi inevitabilmente ogni dieci anni dopo i 40 anni perderai un 5%, e non è poco ma con alcuni accorgimenti potrai rimanere in forma.

La seconda cattiva notizia è che hai il cervello pieno di fesserie. Hai subito un lavaggio del cervello da tutte le industrie che vendono sostitutivi pasti, integratori, creme bruciagrassi e cibi dietetici. Non hai bisogno di integratori, di pillole magiche per dimagrire. Non hai bisogno di tutto questo! Dopo una corretta alimentazione e dopo un corretto allenamento si può anche pensare di introdurre un integratore, che comunque ha un peso minimo sul dimagrimento.

Inizia a ragionare in termini di sacrifici che dovrai;fare. Dovrai solo imparare a conoscere il tuo corpo, hai già tutto ciò che serve,ti manca solo la giusta strategia. Per ottenerla puoi consultare questo prodotto di approfondimento che spiega come dimagrire senza corsa con soli 20 minuti di attività fisica al giorno e senza rinunciare a nessun cibo.

Come prima cosa dovrai calcolare il metabolismo basale, ti posso dire che a grandi linee basterà utilizzare un programma per calcolare il metabolismo che si trova su qualsiasi sito internet digitando sul motore di ricerca “calcolatore metabolismo”. Quello che cambia sono le equazioni e quindi dovrai riuscire a trovare una media fra le varie che trovi, in quanto alcune sovrastimano ed altre sottostimano il tuo metabolismo.

Nel prossimo articolo ti spiegherò più in dettaglio come calcolare il tuo metabolismo e come sapere il quantitativo calorico che devi mangiare. Per oggi è tutto, se l’articolo ti è piaciuto commenta qua sotto.

PS a proposito di metabolismo, hai già scaricato il mio report gratuito con gli 8 segreti per aumentare il metabolismo? Se non l’hai fatto clicca qui!

Commenti Facebook